PER SEGNALAZIONI: cug@comune.siena.it

Natura e finalità

Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità per la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG), è un organismo aziendale paritetico composto da dipendenti comunali e da rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali, tenendo conto delle pari opportunità di genere.

Opera per garantire parità e pari opportunità tra uomini e donne, l'assenza di ogni forma di discriminazione diretta o indiretta, connessa al genere, all’età, alla disabilità, alla religione, all’etnia, all’orientamento sessuale e all’identità di genere, in ogni momento dell'attività lavorativa, nonchè il benessere organizzativo dell'ente.

Istituito ai sensi dell’art. 57 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dall’art. 21 della Legge 4 novembre 2010, n. 183, il CUG sostituisce  nella Pubblica Amministrazione il Comitato di ente per le pari opportunità (CPO) e il Comitato sul fenomeno del mobbing.

A differenza del CPO, il CUG non è  un organo politico ma uno strumento tecnico indipendente che supporta l'attività dell'Amministrazione, con i cui vertici dell'Ente si devono rapportare e coordinare. Infatti attraverso la sua attività il CUG è chiamato a contribuire all'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, alla razionalizzazione e efficientamento e a al miglioramento dell'efficazia dell’organizzazione e dell'azione della Pubblica Amministrazione.

Dura in carica 4 anni e può essere riconfermato . E' nominato dal dirigente di vertice dell'ente.

 

 

Composizione

Il CUG è composto da un/una componente designato/a da ciascuna delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello di amministrazione e da un numero pari di rappresentanti dell’Amministrazione. I/le componenti sono individuati/e in modo tale da assicurare nel complesso, considerando sia i rappresentanti sindacali che i rappresentanti dell’Amministrazione di ruolo e supplenti, la parità di numero di uomini e di donne e la presenza del maggior numero di direzioni possibile, al fine di rappresentare la situazione organizzativa e il personale di tutto l’Ente.

Il/la Presidente è nominato dall’Amministrazione in aggiunta ai/alle componenti.

Sia il/la Presidente che i/le rappresentanti dell’Amministrazione sono scelti a seguito di una procedura trasparente d’interpello rivolta a tutto il personale e selezionati/e sulla base del possesso dei requisiti richiesti appositamente nella direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2011 contenente le linee guida sulle modalità di funzionamento dei CUG e sulla base degli indirizzi individuati nella deliberazione di Giunta Comunale n. 683 del 14.11.2011.

I/Le rappresentanti sindacali sono individuati su segnalazione della sigla sindacale di appartenenza.

Nominato per la prima volta il 5 marzo 2012, il CUG è stato rinominato il 30 dicembre 2020 e integrato il 22 maggio 2023 e il 10 gennaio 2024.

Il Comitato  è attualmente così composto:

 

 

PRESIDENTE

 

MARI Roberta

tel. 540
roberta.marii@comune.siena.it

 

RAPPRESENTANTI DELL’AMMINISTRAZIONE

 

COMPONENTI EFFETTIVI

 

BERRETTINI Lorenzo

tel. 2555
lorenzo.berrettini@comune.siena.it

 

BONDI Camilla

tel. 2173
camilla.bondi@comune.siena.it

 

D'AMBROSIO Giuseppe

tel. 2420
giuseppe.dambrosio@comune.siena.it

 

MICHELOTTI Giada

tel. 2105
giada.michelotti@comune.siena.it

 

RAPPRESENTANTI SINDACALI

 

COMPONENTI EFFETTIVI

 

ROLLERO Enrico  -  rappresentante CGIL

tel. 2560
enrico.rollero@comune.siena.it

 

BORGOGNI Claudia -  rappresentante CISL

claudia.borgogni@comune.siena.it

 

 

COMPONENTI SUPPLENTI

 

CECCHETTI Mila  -  rappresentante  CGIL

tel. 2465
mila.cecchetti@comune.siena.it

 

 

Segreteria del CUG:

PECCIANTI Daniela - Ufficio Pari Opportunità - tel. 0577-292176;  e-mail: daniela.peccianti@comune.siena.it

 

 

Atti di nomina:

det 13 del 10-01-2024
det 1325 del 22-05-2023
det 2819 del 30-12-2020
 
 

 

 
 
 
 

 

Obiettivi e Funzioni

 

OBIETTIVI

Il CUG persegue i seguenti obiettivi:

A) Assicurare, nell'ambito del lavoro pubblico, parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e garantendo l'assenza di qualunque forma di violenza e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua, anche nel rispetto della normativa e delle indicazioni dell’Unione Europea.

B) Favorire I'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l'efficienza delle prestazioni lavorative, anche attraverso la realizzazione di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e di contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza, anche morale o psicologica, nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici.

C) Razionalizzare e rendere efficiente ed efficace l'organizzazione della pubblica amministrazione anche in materia di pari opportunità, contrasto alle discriminazioni e benessere dei lavoratori e delle lavoratrici, tenendo conto della normativa vigente in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, di pari opportunità e di valutazione della performance.

FUNZIONI

Il CUG esercita compiti propositivi, consultivi e di verifica, nell'ambito delle competenze assegnate dalla legge, dai contratti collettivi o da altre disposizioni dell'Amministrazione.
Esso contribuisce all'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l'efficienza delle prestazioni collegata alla garanzia di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto delle pari opportunità, di benessere organizzativo e dal contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza psicologica sui lavoratori e lavoratrici

A titolo esemplificativo, il CUG esercita i compiti di seguito indicati.

Propositivi su:
- predisposizione di piani di azioni positive, per favorire l’uguaglianza sostanziale sul lavoro tra uomini e donne;
- promozione e/o potenziamento di ogni iniziativa diretta ad attuare politiche di conciliazione vita privata/lavoro e quanto necessario per consentire la diffusione della cultura delle pari opportunità
- temi che rientrano nella propria competenza ai fini della contrattazione integrativa
- iniziative volte ad attuare le direttive comunitarie per l’affermazione sul lavoro della pari dignità delle persone nonché azioni positive al riguardo
- analisi e programmazione di genere che considerino le esigenze delle donne e quelle degli uomini (es. bilancio di genere)
- diffusione delle conoscenze ed esperienze, nonché di altri elementi informativi, documentali, tecnici e statistici sui problemi delle pari opportunità e sulle possibili soluzioni adottate da altre amministrazioni o enti, anche in collaborazione con la Consigliera di parità del territorio di riferimento
- azioni atte a favorire condizioni di benessere lavorativo
- azioni positive, interventi, progetti, quali indagini di clima, codici etici e di condotta, idonei a prevenire o rimuovere situazioni di discriminazioni o violenze sessuali, morali o psicologiche (mobbing)

Consultivi, formulando pareri su:
- progetti di riorganizzazione dell’amministrazione
- piani di formazione del personale
- orari di lavoro, forme di flessibilità lavorativa e interventi di conciliazione
- criteri di valutazione del personale
- contrattazione integrativa sui temi che rientrano nella competenze assegnate

Di verifica su:
- risultati delle azioni positive, dei progetti e delle buone pratiche in materia di pari opportunità
- esiti delle azioni di promozione del benessere organizzativo e prevenzione del disagio lavorativo
- esiti delle azioni di contrasto alle violenze morali e psicologiche nei luoghi di lavoro (mobbing)
- assenza di ogni forma di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione o alla lingua, nell’accesso, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, promozione negli avanzamenti di carriera, nella sicurezza sul lavoro.

Il CUG promuove altresì la cultura delle pari opportunità ed il rispetto della dignità della persona nel contesto lavorativo, attraverso la proposta, agli organismi competenti, di piani formativi per tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici, anche attraverso un continuo aggiornamento per tutte le figure dirigenziali.

Normativa nazione: le leggi, le direttive ministeriali e i protocolli d'intesa che influenzano la costituzione e il funzionamento del CUG:

 

2021 - Protocollo d'intesa Brunetta -  Bonetti - Bianchi

 

2020 - Protocollo d'intesa Dadone - Bonetti

 

2019  -  Direttiva Bongiorno - Spadafora

E' stata emanata la Direttiva n. 2 del 26.6.2019  “Misure per promuovere le pari opportunità e rafforzare il ruolo dei comitati unici di garanzia nelle amministrazioni pubbliche” (cd. Bongiorno –Spadafora).

In data 26 giugno il Ministro per la Pubblica Amministrazione ed il Sottosegretario delegato alle pari opportunità, di concerto, hanno emanato la Direttiva n.2/2019, con cui vengono definite nuove “Linee di indirizzo” di orientamento per le pubbliche amministrazioni in materia di promozione della parità e delle pari opportunità, ai sensi del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, recante “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna”, valorizzazione del benessere di chi lavora e contrasto a qualsiasi forma di discriminazione.

La direttiva Bongiorno - Spadafora sostituisce analogo atto del 23.05.2007 recante “Misure per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche”(cd. direttiva Pollastrini-Nicolais)  e aggiorna alcuni degli indirizzi forniti con la direttiva 4.03.2011 sulle modalità di funzionamento dei «Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni» (cd Direttiva Brunetta – Carfagna).

Di seguito il testo della direttiva e la nota informativa di sintesi inviata ai vertici dell'amministrazione:

 

 

2011 -  Direttiva Brunetta - Carfagna

La direttiva indica le modalità di costituzione del Comitato, specificando i requisiti che i componenti e il presidente devono possedere, le competenze e funzioni del CUG e le sue modalità di funzionamento. .

 

2010 - Legge istitutiva

Atti comunali: linee di indirizzo per la costituzione e il funzionamento del Comitato e il Regolamento interno di funzionamento:

Attività

Il CUG ha compiti propositivi, consultivi e di verifica, tutti finalizzati al contrasto delle discriminazioni (in primis di genere, ma non solo) e ad aumentare il livello di benessere organizzativo dell'ente. Su questa linea di lavoro si è attivato il Comitato, dalla sua costituzione ad oggi.

 

Piano Triennale Azioni Positive

La funzione propositiva negli anni è stata effettuata con varie modalità (ad es. nota di proposta all'ente sulla riorganizzazione dell'ente nel suo complesso), ma ha trovato e trova la sua massima espressione nella proposta di Piano triennale di Azioni Positive, un atto indispensabile per l'ente che, altrimenti,  non può legittimamente assumere, ai sensi dell’art rt. 6 comma 6 del D. Lgs 30 marzo 2001 n. 165, come modificato dall'art. 48 comma 2 del D. Lgs. 11 aprile 2006 n. 198.

pariopportunita_informazionequotidiana

 

Diventato operativo durante la vigenza del PTAP 2010-2012, il Comitato ha operato per la predisposizione di  Piani che tenessero conto dei risultati delle azioni realizzate negli anni precedenti in materia di Benessere Organizzativo, ritenendo ormai che il tema delle azioni positive non potesse più prescindere dal tema del benessere organizzativo.

 

 

PTAP 2010-2012 (101kB - PDF)
 
PTAP 2014-2016 (245kB - PDF)
 

Da marzo 2017 a febbraio 2019  il Comune di Siena ha  operato in collaborazione con il Comune di Monteroni d'Arbia per la predisposizione di un PTAP Unico, cioè valevole per tutti e due gli enti. Il Piano è stato approvato con atto di Giunta Comunale n. 20 del 23 gennaio 2018.

Il suddetto piano è stato integrato con deliberazione n. 123 del 18-4-2018 ( dlg_00123_18-04-2018 (173kB - PDF)) con un obiettivo  finalizzato alla tutela della dignità delle persone che lavorano nel Comune e alla  prevenzione di situazioni di disagio lavorativo dovute a comportamenti discriminatori e lesivi della dignità delle persone. Con il suddetto atto  è stato adottato un apposito Codice Etico ( CodiceEtico (186kB - PDF)) ad integrazione del Codice di comportamento approvato a dicembre 2014 e in sostituzione di un precedente Codice del 1998, divenuto ormai obsoleto.

La collaborazione con il Comune di Monteriggioni è stata interrotta a febbraio 2019, ma l'Amministrazione ha confermato la validità del PTAPU 2018-2020, limitatamente alle azioni inerenti al Comune di Siena, per il triennio 2018-2020, fino all’adozione di un PTAP più rispondente alla realtà organizzativa comunale.

dlg_00047_21-02-2019 (179kB - PDF)
 

A seguito della Direttiva 2/2019 a partire dall'anno 2020 si è provveduto ad adottare ogni anno il PTAP.

PTAP 2020-2022 (122kB - PDF)
 
dlg_00022_28-01-2021 (161kB - PDF)
 
PTAP 2021- 2023 (145kB - PDF)
 

 

Benessere Organizzativo

Il Comitato di ente per le Pari Opportunità uomo-donna, prima, e il CUG, poi, si sono sempre attivamente occupati di Benessere Organizzativo.

A marzo 2012, al personale dipendente  è stata presentata la relazione sulla tematica, basata su un'indagine effettuata dall'Uff. Pari Opportunità nell'anno 2010,  all'interno del Programma ministeriale Magellano, su richiesta del CPO.

A seguito della presentazione nel 2012 sono stati organizzati due Circoli di Ascolto Organizzativo, in cui sono state trattate le problematiche emerse durante l'indagine, per dare spunti di riflessione sulle possibili linee riorganizzative adottabili al fine di migliorare il clima interno e il Benessere Organizzativo complessivo dell'ente.

Sulla base dei risultati dell'indagine sul BO e dei CAO, il CUG ha proposto all'Amministrazione le azioni da inserire nel Piano Triennale Azioni Positive 2014-2016.

 

 

Indagine sulla conciliazione vita-lavoro

 

Nell'autunno 2015, in attuazione del Piano triennale azioni Positive 2014-2016 e in collaborazione con il Mobility Manager aziendale, l'Uff. Pari Opportunità e il Servizio Servizi Informativi, è stata realizzata un'indagine telematica sulle esigenze di conciliazione del personale dipendente.

I risultati dell'indagine, per quanto riguarda le sezioni di competenza del CUG, sono stati presentati al personale dipendente in occasione della celebrazione della Giornata internazionale della Donna - 8 marzo 2017.

 

 

 

Temi_pari_opportunita_2016_d0

Relazione Annuale sullo stato dell'Ente

Uno dei principali compiti obbligatori del CUG è la redazione della Relazione Annuale sullo stato dell'Ente, dal punto di vista delle Pari Opportunità e del Benessere Organizzativo. Di seguito è possibile leggere le relazioni ad oggi redatte.

 
 
 
 
 
 
 

Nelle  relazioni  ogni anno viene inserita anche  una sintesi delle attività del CUG (riunioni effettuate, tematiche affrontate, livello e tipologia di disagio lavorativo rilevato, rapporti con l'amministrazione e il personale).

Altro compito obbligatorio è la comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri una relazione sullo stato di attuazione della normativa sulle Pari Opportunità nel Comune di Siena, entro il 28 febbraio di ogni anno. E' un compito che  il CUG deve svolgere congiuntamente con la Direzione che si occupa della gestione delle Risorse Umane.

 

 

PER SEGNALAZIONI: cug@comune.siena.it

Ultimo aggiornamento

01/03/2024, 12:53