L’art. 11 della legge 431 del 1998 ha istituito un fondo nazionale, da ripartirsi tra le Regioni per agevolare il pagamento del canone d'affitto per l'abitazione principale. Le Regioni possono concorrere al finanziamento con proprie risorse di bilancio

Destinatari e requisiti

I requisiti per accedere al fondo e le condizioni di ammissibilità delle domande sono le seguenti:

  1. residenza anagrafica nel Comune di Siena nell'immobile con riferimento al quale si richiede il contributo;

  2. titolarità di un regolare contratto di locazione ad uso abitativo, regolarmente registrato, riferito all’alloggio in cui il richiedente ha la residenza anagrafica;

  3. assenza di titolarità di diritti di proprietà o usufrutto, di uso o abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare ubicato a distanza pari o inferiore a 50 km. dal comune di Siena;

  4. assenza di titolarità di diritti di proprietà o usufrutto, di uso o abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano o all’estero, ivi compresi quelli dove ricorre la situazione di sovraffollamento, il cui valore complessivo sia superiore a 25.000,00 euro;

  5. non essere assegnatario di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica;

  6. valore del patrimonio mobiliare non superiore a 25.000,00 euro;

  7. non superamento del limite di 40.000,00 euro di patrimonio complessivo, composto dalla somma del patrimonio immobiliare e del patrimonio mobiliare

  8. certificazione dalla quale risulti un valore ISE (Indicatore della Situazione Economica) del nucleo familiare inferiore a € 29.545,98;

  9. certificazione dalla quale risulti:

  • FASCIA “A” Valore ISE del nucleo familiare uguale o inferiore all’importo corrispondente a due pensioni minime INPS (pari a € 13.619,58= per l’anno 2022); incidenza del canone al netto degli oneri accessori sul valore ISE non inferiore al 14%;

  • FASCIA “B” Valore ISE del nucleo familiare compreso tra l’importo corrispondente a due pensioni minime INPS (pari a € 13.619,58 per l’anno 2022) e l’importo di € 29.545,98=; incidenza del canone sul valore ISE non inferiore al 24%; valore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore al limite per l’accesso all’ERP (€ 16.500,00).

Ammontare massimo del contributo

Il contributo teorico è calcolato sulla base dell’incidenza del canone, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE e:

  • per la FASCIA “A” il contributo è tale da ridurre l’incidenza al 14%, per un importo massimo arrotondato di € 3.100,00;

  • per la FASCIA “B il contributo è tale da ridurre l’incidenza al 24%, per un importo massimo arrotondato di € 2.325,00;

Modalità di presentazione della domanda

La domanda di contributo deve essere presentata nei termini e nei modi previsti nel bando di concorso pubblicato annualmente.

 

Ultimo aggiornamento

13/07/2022, 09:16