Biblioteca comunale degli Intronati - Inaugurazione della mostra "In nativitate domini - La Natività nei manoscritti della Biblioteca comunale degl... - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Biblioteca comunale degli Intronati - Inaugurazione della mostra "In nativitate domini - La Natività nei manoscritti della Biblioteca comunale degli Intronati"

La Biblioteca, in occasione delle festività natalizie espone una scelta delle miniature raffiguranti la Natività presenti in alcuni dei suoi più preziosi codici, immagini difficilmente visibili al grande pubblico di notevole rilevanza storico artistica. Il corpus dei codici, esemplati tra la fine del secolo XIII e quella del XV, offre immagini della Natività ascrivibili alla tradizione della miniatura senese, fiorentina, fiamminga. Due dei manoscritti più antichi sono illustrati da un sensibile interprete di Duccio di Buoninsegna aperto alla cultura giottesca, variamente identificato con Memmo di Filippuccio, con un esponente della sua bottega o con l’anonimo Maestro dei Corali di Massa Marittima (mss. F.V.26, H.I.10). Legate allo stile del pittore senese Martino di Bartolomeo sono invece le miniature un po’ rustiche di un codice più tardo (ms. G.III.4), attribuite a un suo seguace. Proviene dall’eremo agostiniano di Lecceto un esemplare la cui decorazione è attribuita a un artista di scuola senese, gravitante nell’ambiente di Andrea di Bartolo, identificato come il Maestro dell’Innario che offre una scena della Natività arricchita con la presenza di pastori, angeli, elementi naturalistici e completata da un fregio fogliato dove si intravedono figure grottesche e animali (ms. H.I.1). Tra gli autori più interessanti è presente Sano di Pietro che con il supporto della sua bottega miniò, intorno alla metà del Quattrocento, il ricchissimo codice X.IV.2. In questo panorama di esemplari spiccano due manoscritti di provenienza fiamminga, entrambi realizzati nel tardo Quattrocento, uno decorato da Willelm Vrelant, attivo miniatore di Bruges, l’altro da un ignoto miniatore di area franco-fiamminga (mss. X.V.1, X.V.2). Risale al 1494 è il magnifico esemplare appartenuto alla Compagnia di S. Caterina in Fontebranda, decorato dal fiorentino Litti Corbizzi, dove la Natività è inserita in una pagina interamente decorata a fogliami aurei e azzurri, con putti, cammei e perle che offrono all’apparato decorativo una maggiore ricchezza e preziosità (ms. X.V.3).

L’ingresso alla mostra è gratuito, con i seguenti orari:

lunedì-venerdì: 10.00-18.00
sabato: 10.00-13.00
24 e 31 dicembre 2014, 5 gennaio 2015: 10.00-13.00
domenica, 25-27 dicembre 2014, 1 gennaio 2015: chiuso

 
Natività_invito (588kB - PDF)

invito