DISLOCAZIONE - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

DISLOCAZIONE

Bando-di-Violante-di-Baviera

L'attuale dislocazione delle Contrade nel territorio all'interno delle mura è sancita dal "Bando sui confini" di Violante di Baviera - Governatrice di Siena - che nel 1729 divise la città (quella compresa entro il perimetro delle mura) in diciassette aree territoriali precise.All'interno di ciascuna Contrada, gli appartenenti potevano, ad esempio, raccogliere contribuzioni volontarie di denaro per partecipare al Palio o per celebrare la Festa del Santo Patrono, oppure convocare i contradaioli alle adunanze suonando il tamburo senza litigare con gli abitanti dei rioni vicini. Il Bando volle ripartire, con il territorio, anche la popolazione, in modo che le Contrade, avendo tutte un uguale numero di abitatori, potessero fare decorosa ed ugual comparsa in occasione delle pubbliche feste.Attualmente, rispetto al Bando di Violante di Baviera, la popolazione urbana è notevolmente cambiata. Certi rioni sono ancora densamente abitati; altri, invece, si sono impoveriti per l'esodo dei cittadini nei moderni quartieri della periferia. Per questo, in base al numero dei contradaioli si usa definire alcune Contrade grandi ed altre piccole. Ma, nonostante le evidenti sproporzioni, le Contrade hanno tutte uguale dignità; tutte sono ben organizzate, tutte posseggono sedi meravigliose, tutte corrono e vincono il Palio. Certe Contrade, inoltre, pur non essendo molto abitate nei centri storici, si presentano in Piazza per il Palio assai numerose, evidentemente perché acquisiscono simpatizzanti e protettori nei nuovi quartieri di periferia oppure perché possono fare assegnamento sulla continuità territoriale oltre le mura.