Siena ha ottenuto il riconoscimento del titolo Città Europea dello Sport 2021 - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Comune di Siena
 

Siena ha ottenuto il riconoscimento del titolo Città Europea dello Sport 2021

Siena sarà città europea dello sport nel 2021. L’annuncio è stato dato questo pomeriggio, lunedì 19 novembre, in una conferenza stampa svoltasi nella Sala delle Lupe di Palazzo Pubblico. Aces Italia e Aces Europa hanno riconosciuto che Siena ha le qualità e la cultura dell’attività sportiva per essere città europea dello sport: riconoscimento davvero prestigioso.

 

Inizia adesso un percorso molto importante per la città di Siena: “Questo è un momento molto importante per noi – ha detto il sindaco De Mossi – Perché questa era una verifica al lavoro che stiamo svolgendo. Averci dato la possibilità di candidarci per il 2021 ha un significato ben preciso, ovvero che tutti i controlli effettuati da parte di Aces sono stati positivi ed hanno avuto un riscontro sul territorio significativo. A Siena vogliamo che lo sport sia davvero per tutti, con un occhio di riguardo alla salute, all'integrazione, all'educazione ed al rispetto. Per fare questo – ha proseguito De Mossi - abbiamo bisogno anche di rivedere tutte le nostre strutture che ovviamente per essere l'eccellenza europea andranno riviste. Per far questo abbiamo bisogno dell'aiuto anche di Aces, del Coni e di tutti gli organi istituzionali che ci sono stati accanto in questo percorso. Lo slittamento al 2021 è stato un atteggiamento di serietà, ovvero la volontà di rifare un lavoro che si concretizzi in maniera perfetta e portare avanti un progetto all'altezza della grandezza della nostra città”.

 

“Per Siena questo è un giorno importante ed è un giorno importante anche per tutto lo sport senese – ha dichiarato Lorenzo Lorè, consigliere delegato per la candidatura di Siena - Come Amministrazione c'è stata subito la volontà di confermare la candidatura a città europea dello sport – ha proseguito Lorenzo Lorè – Il sindaco ha chiesto ad Aces Europa di poter far slittare la candidatura al 2021 per poter tradurre gli impegni elettorali relativi allo sport in fatti concreti. Aces ha accordato questo slittamento e ci ha permesso quindi di essere qui oggi a ricevere questo prestigioso riconoscimento”.

 

Il comitato tecnico scientifico è stato confermato ma la nuova Amministrazione, con una delibera di Giunta, ha inserito al suo interno anche il Comitato paralimpico con la rappresentanza di Matteo Betti, campione paralimpico di scherma.

 

“Tengo molto a ringraziare il sindaco De Mossi – ha detto Paolo Gheda, coordinatore del Comitato Tecnico-Scientifico – perché subito dopo la sua elezione ha dato la sua disponibilità a continuare il cammino di Siena città europea dello sport, confermandomi nel ruolo di coordinatore della candidatura. Rafforzare il Comitato Tecnico Scientifico con il Comitato paralimpico ha dato una marcia in più al progetto dando un'attenzione particolare al tema dell'inclusività, tema sul quale Aces Europa ha molto investito e che è molto caro alla fondazione Piccolomini”.

 

“La città di Siena è una città conosciuta in tutto il mondo ed è un onore inaugurare l'anno 2021 delle Città Europee dello Sport proprio qui – ha detto Francesco Lupattelli, presidente ACES Europa - Essere città europea dello sport è una grande chance che unisce oltre 700 Municipi europei e la presenza di Siena in questo grande network è per noi un grande onore e ci teniamo particolarmente che Siena sia una delle migliori città europee dello sport”.

 

“Il titolo European City of Sport non è un premio a quello che si è fatto ma al progetto che una Amministrazione ha in termini di sport, di educazione, territorio e ambiente per aumentare il tasso della sportività della popolazione e per diventare un punto di riferimento per tutto il network delle città europee dello sport – ha detto Enrico Cimaschi, delegato ACES Italia - Del progetto presentato da Siena siamo molti soddisfatti dell'attenzione che è stata data alla salute, ovvero intendere lo sport non solo come elemento ludico ma come un momento di prevenzione e terapia”.

 

Portavoce del Sindaco